Il mostro delle ciambelle

Divorava tutto con grande avidità. A quel tempo, le ciambelle erano dei soffici panini pieni di un ripieno squisito, il più buono mai creato al mondo, che a dire il vero era anche il preferito del mostro. Ogni volta che i pasticceri tornavano in cucina non trovavano più niente, così con i clienti dovevano inventare mille scuse e dire che non c’era nulla da vendere.
Temendo di rimanere senza lavoro, i più grandi Mastri Pasticceri si riunirono per trovare una soluzione. “Non si può continuare così! Dobbiamo fare qualcosa!”. Chiamarono allora il mostro goloso e minacciarono che se non fosse sceso a patti con loro non avrebbero più cucinato neanche un dolce.Impaurito, il mostro chiese pietà, e accettò di fare un patto coi pasticceri di tutto il mondo. Essi gli dissero: “Scegli la cosa che ti piace di più”. Il mostro ci penso un po’ su, poi esclamò: “Il ripieno delle ciambelle!”.Allora i pasticceri risposero: “Bene. Potrai avere il ripieno di tutte le ciambelle del mondo, ma in cambio non toccherai più gli altri dolci e li lascerai a noi”.Sconsolato, il mostro accettò. Da quel giorno, ogni volta che una ciambella viene cucinata il mostro arriva e la buca, per succhiare via tutto il ripieno squisito e riempirsi il pancino; ma gli altri dolci non li tocca, nossignore! È così che i pasticceri hanno inventato nuovi modi di guarnire le ciambelle: zucchero, glassa, canditi… Ma ahimè, le ciambelle non sono più speciali come una volta, senza il loro ripieno.
Se vi capita ogni tanto di trovare una fetta in meno di torta a casa, o di non trovare più le caramelle che avevate comprato, non temete: è il mostro delle ciambelle, che quatto quatto, di nascosto dai pasticceri, assaggia qualche dolcetto proibito…

EQUILIBRI PEDAGOGICI Ass.ne culturale 

Studio Pedagogico Interdisciplinare REGGIO CALABRIA Via Gebbione, 23/f - “Parco Luna” 

©2018. Associazione Equilibri pedagogici

Piattaforma realizzata da PMopenlab Srls

Email *

Name *

Oggetto

Messaggio

  • White Facebook Icon